back to home page

FIRENZE, 1 LUG - Divieto di allevamento per i pit-bull e, comunque, chi possiede questo tipo di cani dovra' attenersi scrupolosamente a precise regole: museruola robusta e guinzaglio lungo non piu' di un metro, pena una multa salata - fino a 400 mila lire - e il sequestro dell' animale. E' il provvedimento preso dal Comune di Firenze, primo in Italia ad adottarne uno simile, ma anche citta' nella quale si sono verificate recentemente diverse aggressioni da parte di pit-bull nei confronti di persone o altri animali. Il pit-bull non deve diventare una moda e chi possiede uno di questi cani deve essere responsabilizzato: questo l' obiettivo indicato dal sindaco Leonardo Domenici che ha firmato l' ordinanza. L' ordinanza riguarda i pit-bull, gli
staffordshire-terrier (una specie simile ai pit-bull ma leggermente piu' piccola) e i gli incroci da loro derivati: tutte razze relativamente recenti e non registrate dall' Ente nazionale cinofilia italiana (Enci). Le nuove norme, concordate con l' Unita' operativa Sanita' Animale della Asl 10, sono severe ma, e' stato spiegato, si propongono di contrastare il diffondersi della ''moda'' del pit-pull, senza pero' prevedere tecniche cruente verso gli animali, come la sterilizzazione o addirittura l' abbattimento.L' ordinanza prevede che questi cani ''nei luoghi pubblici o aperti al pubblico debbano essere provvisti di solida museruola, applicata in modo da impedire assolutamente che possano, anche imperfettamente, addentare o che possa essere tolta con facilita', e che debbano essere condotti a mano con guinzaglio di lunghezza non superiore a un
metro, sotto la diretta responsabilita' del proprietario''. Vietato inoltre l' allevamento: gli allevatori hanno 30 giorni di tempo per adeguarsi, anche se a Firenze risulta esistere un
solo allevamento. ''La nostra intenzione spiega il sindaco Domenici non e' quella di criminalizzare questi animali, ma di evitare il diffondersi di una moda pericolosa. All' anagrafe canina di Firenze sono censiti circa un centinaio di pit-pull, ma il loro numero e' in crescita; e soprattutto sono in crescita gli incidenti che coinvolgono questi animali, che se aggrediscono
procurano sempre gravi lesioni''. Essendo cani da attacco e non da difesa, per la loro conformazione fisica e per indole i pit-pull hanno bisogno di una gestione attenta. ''Proprio per
questo dice Domenici il Comune, che gia' organizza corsi per i proprietari di cani in collaborazione con lAsl e lArma dei Carabinieri, sta pensando di renderli obbligatori per i cani
oggettivamente pericolosi, cioe' quelli che hanno morso piu' volte o provocato prognosi superiori ai 40 giorni''.(ANSA).

4a Mostra Canina di
Venegono Superiore

 vai al sito web   vai al sito web

Domenica 16 Luglio 2000
Per Cani di Razza e Meticci,Cuccioli, Giovani,
Libera, Coppie, Gruppi

Il ricavato in beneficenza a Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro 
e Comitato Maria Letizia Verga per lo studio  della leucemia del bambino

http://www.righi.com/cinofila/index.html


banner.jpg (4474 bytes)

banq.gif (2462 bytes)

 

 


back to home page
 

2000 S.Arnetoli, webmaster@canitalia.it
last update